Croissant integrali al miele, ed è subito magia.


Fin da bambina ho visto la cucina come un luogo magico: Guardavo con curiosità mia nonna aprire grandi tomi dalle consunte pagine color senape, leggerne le formule magiche e aggiungere via via ingredienti mescolando il calderone... ehm la pentola.
E in effetti mia nonna la vedevo più come una maga intenta a creare pozioni magiche che una cuoca (ma lo è stata davvero, fino a qualche anno prima), tanto era la sua capacitá di creare dal niente gnocchi al ragù o sfornare lasagne infinite.
Se creare ricette è pura magia, non posso non considerare la cucina come una sorta di laboratorio, o "antro delle streghe" se vogliamo, e qui c'è pure il nero felino - sicuramente è la stanza che amo di più e nella quale trascorro la maggior parte della giornata.
Combinare ingredienti, annusare, assaggiare, guardare, in una parola: creare, è la cosa che più amo fare.
La cucina è magia, lo ribadisco, non c'è altra spiegazione.  Prendete la lievitazione, no, non la levitazione eh, parlo della meraviglia nel veder crescere un impasto sotto i propri occhi, percepirne quasi il respiro...
... e la magia è proprio il tema della prossima Food Geek Dinner che si svolgerà il 27 Novembre a Torino, città che l'ha vista nascere nel 2012.
Cos'è la FGD? è una cena-evento a km0 per appassionati e professionisti del mondo food sempre connessi tramite blog, siti o social network che si incontrano nel mondo reale per una sera.
A km0 perché vengono coinvolti foodies e  professionisti del settore proprio della città che ospita questo evento itinerante (qua, potete dare un'occhiata alle precedenti edizioni).

Nella Foodie Geek Dinner si realizza l’incontro reale della comunità virtuale del cibo.


Io vivo quotidianamente il lato geek del mio essere food blogger (tipo che se non mi vedete online, non sono su facebook starò sicuramente postando qualcosa su instagram o cercando ispirazione su pinterest), ma per una sera tutto si farà reale, tangibile: gli hashtag si trasformeranno in sonore risate e parole, le foto si faranno sguardi e gesti, ci saranno profumi, sapori, odori e tante, tante spezie.
Visto che sono un'insicura cronica ho già iniziato a prepararmi  psicologicamente per la cena partendo... dal vestito, il resto verrà da sé, confido nell'aiuto di qualche buon bicchiere... You know what I mean.

Cosa mi aspetto dalla serata?
Innanzitutto dare un calcio alla mia timidezza, poi: vestiti e trucchi scintillanti, tanto buon cibo, bicchieri colmi, tintinnio di posate, musica, foto, calore, nuove conoscenze - tra cui, finalmente, Francesca, l'altra metà della FGD, che con Mariachiara hanno dato vita a questo meraviglioso evento -  tanto divertimento, baci e abbracci, sapori, colori, odori....  Sicuramente sarà qualcosa di cui parlare e riparlare nei giorni, mesi, anni successivi.
Un'esperienza multidimensionale e multisensoriale dove comunicazione virtuale e reale si incrociano, mescolano, intersecano grazie a spezie profumate e formule magiche.

E per rimanere in tema... anche questi croissant sono incantati: Non vi resta che provare.
Una volta usciti dal forno potrebbero improvvisamente sparire nel nulla.... ma, ecco, la magia sta anche lì!
*puff*


Ingredienti:

Per il lievitino:
110 g di farina Manitoba
80 ml di acqua
20 g di lievito di birra
10 g di miele di castagno

Per il secondo impasto:

120 g di farina integrale
190 g di farina Manitoba
1 uova
1 pizzico di sale
60 g di miele di castagno + altro per la farcitura
30 g di semi vari tritati (canapa, lino, zucca)
60 g di margarina vegetale*
40 ml circa di latte
1 cucchiaino raso di cannella

Per decorare

Latte
Nocciole tritate
Semi di canapa (facoltativi)






Come si fanno:

Iniziate la sera, preparando il lievitino, sciogliendo il lievito di birra e un cucchiaino di miele nell’acqua tiepida.
Aggiungete la manitoba, impastando per ottenere un composto morbido. Lasciate riposare, coperto da pellicola tutta la notte.

La mattina seguente aggiungete la manitoba rimasta, la farina integrale, i semi e la cannella.
Aggiungete il sale, il miele, la margarina (*io l'ho fatta homemade, seguendo questa ricetta ) e l'uovo.
Se l'impasto dovesse risultare troppo solido aggiungete poco latte.
Lavorate bene e lasciate riposare l'impasto fino al raddoppio di volume.
Dividete l’impasto in due parti, con il mattarello stendete due sfoglie dalla forma rotonda.

Tagliare ogni disco in 8 spicchi, spennellate di miele e avvolgete ogni triangolo su se stesso, disponete i cornetti, ben distanziati tra loro, su due teglie foderate con la carta da forno
Lasciate lievitare nuovamente fino al raddoppio del volume, spennellate con il latte tiepido, guarnite con la granella di nocciole e i semi di canapa e infornate a forno già caldo a 200°C cuocendo per 15/20 minuti fino a doratura.



Suggerimenti:

Io ho scelto il miele di castagno perché, come ho detto in altre ricette, è quello che preferisco in assoluto: ha un sapore più amarognolo, quasi caramellato, come il suo colore.
Voi scegliete quello che più vi piace, lo stesso per il ripieno, potete optare sia per una confettura o marmellata per rendere più golosi ma ugualmente sani questi croissant.




Cous cous ai fiori con zucca speziata al forno


Ecco cosa succede quando primavera ed autunno si incontrano in un piatto.
Il cous cous si veste con i colori della bella stagione, delicate pennellate color pastello, con petali di fiordaliso, ibisco, rosa  e lavanda. Un intenso profumo di agrumi, dati dagli oli essenziali. E il gusto sapido dei fiocchi di ceci e di carota.
A chiudere il bouquet ci pensano l'aglio orsino, il rosmarino e una punta di curcuma.
Quando ho visto questa sacchettino colorato non ho resistito, era troppo bello per lasciarlo sullo scaffale!
Amando i contrasti, ho pensato di abbinare questo primaverile cous cous con la regina indiscussa dell'autunno, la zucca: morbida, speziata e profumata.
Un piatto solare che riscalda gli occhi ancora prima della pancia, e nel mio piccolo, piccolissimo, purtroppo posso fare ben poco, lo dedico di cuore a tutte le persone che stanno affrontando le molte difficoltà causate dalle avverse condizioni climatiche degli ultimi giorni.




Ingredienti per due persone:

140 g di cous cous ai fiori Primeal
400 g circa di zucca
1 spicchio di aglio
Peperoncino
Cannella
Rosmarino
Sale



Come si fa:

Tagliata a fette non troppo sottili la zucca, lasciando la buccia (io la mangio sempre e la adoro).
Disponetela sulla teglia del forno, insaporitela con il sale, la cannella, il rosmarino, peperoncino e lo spicchio di aglio tritato,
Cuocete in forno a 180° finché non è tenera (circa 25-30 min).

In un pentolino versate circa 270 g di acqua, aggiungete un cucchiaino di olio e poco sale.
Portate a bollore, spegnete e versatela sul cous cous in una ciotola capiente.
Coprite e lasciate riposare almeno 5/7 minuti
Sgranate bene con una forchetta e servite insieme alla zucca speziata.




Verdure al forno


Mi piacciono le cose semplici, ormai lo sapete, non mi piacciono le ricette troppe elaborate, con tanti ingredienti. Con le verdure ad esempio metto sempre il minimo indispensabile.
Quest'estate ho iniziato un percorso che mi ha portato a conoscere e consumare una grande varietà di verdure perlopiù crude - già lo facevo, ma non proprio tutti i giorni - il palato si abitua a percepire il reale sapore, così che poi è anche più facile riuscire a creare abbinamenti per armonia e contrasti di sapore.
Da qualche anno sono diventata una grande consumatrice di rape. Mi era capitato poche volte di vederle e le ho sempre snobbate un po', ma dalla prima volta che le ho provate non le ho più lasciate.
Nelle zuppe e vellutate danno quella punta piccantina che adoro e che uso quando non riesco a trovare il daikon.
Ma la vera illuminazione l'ho avuta quando l'ho messe in forno la prima volta! Boom.
Le rape sono le nuove patate.
Condite semplicemente con sale e pepe (e peperoncino) e messe in forno finché non prendono colore e si fanno croccantine saziano tanto, hanno decisamente meno calorie dei suddetti tuberi e appagano tantissimo.
Qui le ho unite a tutte le verdure che avevo in frigo, per un contorno leggero e sfizioso, o abbinate a del riso per un pranzo leggero.



Ingredienti:
In porzione variabile:
Rape
Carote
Cavoletti di bruxelles
Zucchine
Sale
Scorza di mezzo limone bio
Pepe nero
Timo
Peperoncino




Come si fa:

Lavate le verdure, pelate le rape e le carote e tagliate in quarti i cavoletti di Bruxelles e a fette le zucchine.
Foderate la teglia e versate tutte le verdure.
Condite con sale, pepe e le scorze di limone, mescolate ed infornate fino a che le verdure sono tenere.

Insomma questo è solo una delle tante versione, voi dovete scegliete le vostre verdure di stagione preferite, condirle e buttarle in teglia (mettete un filo d'olio, io come al solito mi astengo per i soliti problemi).
Adesso ci aggiungerei la mia amata zucca per esempio, che al tempo delle foto non avevo ancora trovato.



Cupcakes Tiramisù


Torno con una ricetta dolce e, a prima vista, ad alto valore calorico. Alla parola tiramisù si associa subito il classico, in cui mascarpone ed i suoi grassi saturi la fanno da padroni. Io ho mantenuto il suo gusto ma alleggerendolo di parecchio.
La ricetta originale la trovate del libro "muffin & cupcake" che  omaggiavano un po' di tempo fa alla Feltrinelli.
Io ho tolto dall'impasto tutto quello che erano burro (100 g!) sostituendolo con lo yogurt, che regala una piacevole punta di acidità, qualche grammi di zucchero di troppo (130 g in origine) e i ben 350 g di mascarpone del frosting, con una ricotta molto più leggera.
A proposito di ricotta,  vi suggerisco di farla scolare dentro una garza a maglia strette, in un colino per qualche ora, in modo che sia bella compatta ed asciutta e che si possa lavorare.


Ingredienti:

70 g di zucchero
200 g di farina
125 g di yogurt bianco*
3 uova
1 tazza di caffè espresso
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (non vanigliato)
Sale
Per la guarnizione:
350 g di ricotta
40 g di cacao in polvere
zucchero a velo
Come si fa:

Con le fruste montatele uova con lo zucchero. Unite l'olio e, poco alla volta, la farina setacciata con il lievito, il caffè, un pizzico di sale amalgamando in modo da ottenere un composto omogeneo.
 Riempite per due terzi gli stampini e cuocete a 180°c per cica 15 minuti.
Sfornate e fate raffreddare.

Mescolate energicamente la ricotta con lo zucchero a velo setacciato. Aggiungetene tanto quanto volete dolce il frosting.
Fate riposare la farcitura per circa 30 minuti.
Riempite una sac a poche, decorate i cupcake e finite spolverizzando con il cacao.



Idee e suggerimenti:

* potete sostituire lo yogurt con la stessa quantità di panna di soia o 80 ml di olio d'oliva leggero.

Pizza soffice a lunga lievitazione con tonno e cipolle


Questa volta ho voluto provare la nuova farina di Cerealia con qualcosa di salato, e non c'è niente di meglio che una bella pizza per apprezzare la qualità di una farina.
E ancora meglio se con una lievitazione lenta, così da avere una pizza soffice, aromatica e altamente digeribile.
Come vedrete negli ingredienti il lievito è molto poco, questo perché nelle lunghe lievitazioni meno lievito c'è meglio è .
Se una volta buttavo nella ciotola tutto il contenuto della bustina (cose da  scellerati!) adesso calcolo sempre in base, non solo alla quantità di farina ma anche dal tempo di lievitazione che voglio fare.
La farcitura della pizza l'ho messa oltre metà cottura perché non mi piace il tonno "ricotto" e la cipolla mi piace ancora croccantina.
Non ho messo ovviamente mozzarella, perché, almeno in questo caso (poi le eccezioni ci sono eccome), sono fedele alla linea che sul pesce non ci vuole nessun formaggio.
Il risultato è una pizza morbida, con crosta croccante e pasta aromatica.
La farcitura non è assolutamente pesante cosa di può pensare, ho usato tonno al naturale (che sono circa 60 calorie scarse a scatoletta) e cipolla bianca fresca.
Chi vuole potrà aggiungere un filo di olio evo a crudo.


Ingredienti:

500 di farina di grano tenero di tipo 2 Cerealia Wellness
300 g di acqua
1 g di lievito di birra disidratato 
1 cucchiaio raso di sale 
2 cucchiai di olio e. v. o.

Per la farcitura:
Tonno in scatola al naturale
1 - 2 cipolle bianche
Basilico fresco


 Come si fa:

In una ciotola unite la farina con l’acqua, aggiungete il lievito ed impastate a lungo fino a che non si formi un composto omogeneo.
Aggiungete il sale, l 'olio e mescolate bene. 

Lasciare riposare il composto  per almeno 10 minuti, lavorarlo qualche minuto sulla spianatoia infarinata.
Mettete a lievitare nella parte bassa del frigo per 24 ore.

Trascorso il tempo di riposo accendete il forno a 220 °C . 
Riprendete l'impasto e lavoratelo sul piano di lavoro con della farina (l'impasto sarà molto morbido)
Stendete la pasta nelle teglie da forno. Con queste dosi ne vengono tre con teglia da circa 20 cm.
Condite con salsa di pomodoro e infornate sistemanto la griglia nella partabassa del forno.
A metà cottura aggiungete il tonno sbriciolato, la cipolla e rimettete in forno,spostando la griglia al centro per terminare la cottura.
Al momento di servire guarnite con del basilico fresco.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...