Ecco, chiudete gli occhi ed immaginate: Un muffin, un brownies ed un cheesecake... tutto in un unico morso? Ecco, questi pasticcini sono l'unione dei tre dolci tra i più golosi! ma pensate un po' anche incredibilmente sani.
Come al solito ho messo un'attenzione particolare alla scelta degli ingredienti. La parte brownies, tra l'altro è vegan.
Da questo mio esperimento  ne è nato un dolcino morbido e fondente, con tutto il sapore del cioccolato con uno strato di ricotta ai mirtilli (ricordate le polveri di frutta?)
Ma non mi perdo in altre chiacchere così vi lascio subito alla ricetta e ai vostri commenti, se avete voglia di fermarvi un po' da me, risponderò sempre con piacere.
Chi mi segue sulla pagina facebook sa che ho avuto qualche momento no, momenti in cui ho seriamente pensato di mollare tutto, blog e ricette e mettermi a cucinare e sperimentare solo nella mia cucina,  magari scattando solo per il piacere di farlo. Ma alla fine ho capito che quello che amo  è poter condividere parole, dosi e foto con gli altri, poco male se i commenti non ci sono. So che qualcuno, anche in silenzio mi segue, ed io sono già contenta così.
Grazie.



Ingredienti:
Per i muffins brownie:

140 g di farina 00
20 g di farina di riso
60 g di zucchero
20 g di cacao amaro  in polvere
20 g di gocce di cioccolato
70 g di banana matura
100 g (circa) di acqua
2 cucchiaini di aceto di mele (o di limone)
1 cucchiaino di lievito
Per la parte cheese:
200 g di ricotta
1 cucchiaio di polvere di mirtillo nero e rosso Finnberry


Come si fa:

Accendete il forno a 180 gradi.
Frullate la banana per ottenere una purea liscia.
In una ciotola setacciate le farine con il lievito e il cacao.
Aggiungete lo zucchero.
Unite ora le parte liquide - acqua, aceto e la pure di banana -  mescolando bene, aggiungendo per ultimo le gocce di cioccolato.
Versate il composto negli stampi dei muffins.
A parte lavorate metà della ricotta con la polvere di mirtillo nero, lasciando l'altra al naturale.
Spalmate le due ricotte  livellandole e  infornate per 20-25 minuti.
Dopo 20 min fate la prova stecchino.
Sfornate e lasciate raffreddare su una griglia.
Cospargete con la polvere di mirtillo rosso e conservate in frigo.
  • Potete sostituire le polveri di frutta con il cacao amaro o açaí in polvere.


Ingredients:
For the  brownie muffins:

140 g flour 00
20 g of rice flour
60 g of sugar
20 g of cocoa powder
20 g of chocolate drops
70 g of ripe banana
100 g (approximately) of water
2 teaspoons of apple cider vinegar (or lemon)
1 teaspoon baking powder
For the cheese part:
200 g ricotta
1 tablespoon of powdered bilberry
1 tablespoon powdered cranberry (Finnberry)


Directions:

Heat the oven to 350 degrees
Puree the banana to obtain a smooth puree.
In a bowl, sift flour with baking powder and cocoa.
Then add sugar.
Combine now the part liquid - water, vinegar and banana puree - mix well, adding the chocolate chips.
Pour the mixture into muffins molds.
Separate the ricotta in two part work one with the bilberry powder, leaving plain the remain.
Spread the ricotta creams, level with a spoon and bake for 20-25 minutes.
After 20 min do the toothpick test.
Remove from the oven and let cool on a rack.
Sprinkle with powdered cranberry and stored in the fridge.



Da quando in casa abbiamo scoperto kefir non lo facciamo mancare mai.
Il kefir è una bevanda rinfrescante originaria del Caucaso, ottenuta dalla fermentazione del latte con degli speciali granuli. È ricca di probiotici e acidi lattici. Ha un sapore fresco, leggermente acidulo e piacevole da bere.  Fonte di minerali come calcio, magnesio, fosforo e zinco, nonché aminoacidi come triptofano, noto come un precursore della serotonina, che regola l'umore e melatonina.
 Il kefir è anche ricco di vitamine del gruppo B e la vitamina K che regolano il sistema renale e che agiscono come potenti antiossidanti.
Essendo abasso contenuto di lattosio, può essere bevuto anche  da coloro che ne sono intolleranti.
Dal momento che non è sempre facile da trovare, spesso mi trovo a dover acquistare e provare nuove marche.
Così ho capito che i kefir non sono tutti uguali: Alcuni sono dolci, altri hanno una punta salata, altri ricordano il sapore del formaggio fresco, come il caprino.

Ed è proprio con l'ultimo tipo di kefir che ho fatto questi crackers, e per dare più carattere ho aggiunto la senape rustica, che adoro.  Amo la consistenza "ruvida" data dai grani,  e il suo sapore  decisa ma non troppo piccante, con tutto il sapore naturale della senape, senza altri aromi.



Ingredienti:

110 g di farina di segale integrale bio
100 g di kefir
20 g di farina a di riso (+ altra per la spianatoia)
2 cucchiai di senape rustica
1 cucchiaino di lievito

Per guarnire:
Semi di sesamo
1 cucchiaio di senape
3 cucchiai di kefir

Come si fa:

Scaldate il forno a 170 ° C.
Mescolate tutti gli ingredienti secchi in una ciotola.  Versare il kefir  e mescolate con una forchetta. Trasferite l'impasto su un piano di lavoro infarinato e impastate fino ad ottenere un impasto liscio e fermo sodo. Vi potrebbe servire altra farina di riso.
Stendete la pasta e ricavate i cracker, con una tagliabiscotti o semplicemente tagliando con una rotella per pasta.
Trasferite i cracker sulla teglia, che avrete foderato di carta forno o tappeto di silicone.
In una ciotolina mescolate il kefir con la senape e spennellate la superficie, cospargete con i semi di sesamo.
Infornate e cuocete per circa 10 min, Come sempre ogni forno è diverso, controllate il colore, appena iniziano a dorarsi togliete dal forno.
Trasferite i cracker a raffreddare su una griglia.



  • se non trovate il kefir o per gli intolleranti ai latticini potete sostituirlo con la stessa quantità di yogurt bianco (anche vegetale)





{ english version }



Since we have discovered kefir there is always a bottle in the fridge!
Kefir is a refreshing beverage from Caucasus, obtained by fermenting milk with the special granules, is rich in probiotics and lactic acids.
 Has a fresh taste, slightly sour and pleasant to drink. And is rich in minerals such as calcium, magnesium, phosphorus and zinc, as well as amino acids such as tryptophan, known like a  precursor of serotonin, which regulates mood and melatonin.
 Kefir is also rich in B vitamins and Vitamin K that regulate the renal system and which act as antioxidants.
Being low in lactose, then, can be drunk by those who are intolerant.
It is not always easy to find and I often have to change and try new brands.
So I realized that the kefir  are not all the same.
 Some are sweet, others have a bit salty, others still remember the taste of fresh cheese, like goat's one.
And it's just with the last one kefir type I did these crackers, and for give more flavour I added rustic mustard, not too spicy but with all the natural mustard seeds flavor.

Ingredients:

110 g whole rye flour (organic)
100 g of kefir
20 g of a rice flour
2 tablespoons mustard rustic
1 teaspoon baking powder

To finish :
Sesame seeds
1 tablespoon mustard 

3 tablespoons of kefir

Directions:

Preheat the oven to 170 ° C.
Mix all dry ingredients in a bowl. Pour the kefir and mix with a fork. Transfer the dough on a floured work surface and knead until dough is smooth and firm hard. There could serve other rice flour.
Roll out the dough and cut crackers, with  cookiecutters or simply cutting with a pastry wheel.
Transfer the crackers on the baking sheet, you have lined with parchment paper or silicone mat.
In a small bowl mix the kefir with mustard and brush the surface, then sprinkle with sesame seeds.
Bake for about 10 min, As always, every oven is different, check the color,  remove just start edges turns gold. Transfer crackers on a rack to cool.


  • you can  substitute kefir with the same amount of plain yogurt.




Con questa torta ho avuto un vero colpo di fulmine!
E' semplice e soffice, senza fronzoli o farciture pompose - davvero, è perfetta così com'è. Fidatevi -
Il profumo di cocco  e limoneche sprigiona è incredibile, così come la consistenza, che vi invoglia ad addentare la fetta, un morso dopo l'altro.
E' un dolce che sa di casa, di famiglia, di cose buone, di tintinnare di posate e tazze e di piccoli piacevoli momenti insieme.
La ricetta è di Babs, io mi sono limitata a sostituire il burro con l'olio e a diminuire lo zucchero ( perché se non alleggerisco qualcosa non sono contenta, ormai lo sapete :D )




Ingredienti:

180 g farina 00
70 g zucchero
200 g cocco grattugiato essicato
60 g  di olio d'oliva
150 ml latte tiepido
1 uovo intero
1 bustina lievito in polvere per dolci
Scorza grattugiata di un limone
Zucchero a velo, facoltativo

Come si fa:
Mescolate gli ingredienti asciutti in una ciotola e quelli umidi in un'altra.
Preriscaldate il forno a 180°. Unite i due composti, amalgamate bene e versate il tutto nello stampo unta di burro e spolverizzata di farina.
Fate cuocere per circa 45 minuti. (dopo mezz'ora, fate la classica prova stecchino).
Tiratela fuori dal forno, lasciatela raffreddare capovolts su una griglia circa 10 minuti.
 Servite con una spolverata di zucchero a velo, se volete.

{ English Version }


With this cake I had a really love at first sight!It's incredible!
It'sa simple and fluffy, without any frills, topping or fillings - really, it's perfect as it is. Trust me! -
The scent of coconut is amazing, as well as the texture, that makes want to finish the slices, bite after bite
This cakeit tastes like home, family, good and simple things, the clink of cutlery and teacups and small pleasant moments-

The recipe is from  Babs,  I just replace the butter with the olive oil and reduce the sugar.



Ingredients:

180 g flour 00
70 g sugar
200g grated coconut
60 g of olive oil
150 ml warm milk
1 whole egg
1 teaspoon baking powder
Lemon zest
Confectioners' sugar, optional

Directions:

Mix the dry ingredients in a bowl and wet ones in another.
Preheat oven to 180 °.
Combine two mixtures and mix well. Then pour into the mold greased with butter and dusted with flour.
Bake until a tester inserted in cake comes out clean, about 40 to 50 minutes.
Cool in pan on rack 15 minutes; invert onto rack to cool completely.
Dust with confectioners' sugar before serving, if desired.



Quando si tratta di prodotti nuovi da scoprire e provare, lo sapete, non mi tiro mai indietro.
Soprattutto quando sono davvero speciali.
Oggi vi porto in Finlandia, dove sono nate le polveri di frutti finnberry: Ovvero polveri di frutti di bosco, raccolte rigorosamente a mano delle incontaminate foreste finlandesi e subito congelati per preservarne la freschezza. Vengono poi essiccate lentamente a 44° fino a 3 giorni e ridotti in polvere.
Viene praticamente solo tolta l'acqua, basti pensare che per ricavarne 30 g sono necessari 270g di mirtilli freschi.
Niente addittivi, né conservanti ma tutte le proprietà, vitamine, fibre, ed antiossidanti, che  aiutano a combattere i radicali liberi, proprie dei frutti di bosco, che sono a tutti gli effetti dei potenti superfood.
Spediscono solo in Inghilterra, ma li potete acquistare tramite Amazon.uk.

Oltre che usarle subito nello yogurt, nei frullati e nei pancakes una mattina ho pensato ad una presentazione diversa, che unisse questi frutti lontani con l'Italia: e cosa c'è di più italiano che un piatto di pasta?
Detto. Fatto.



Ingredienti:

150 g albumi
30 g di banana
25 g di yogurt bianco
1 cucchiaino di carruba

 Per la salsa:
4 fragole
50 g di yogurt bianco
2 cucchiaini di mirtilli rossi in polvere

Per finire:
Cocco grattugiato
1 kiwi
Qualche mirtillo disidratato.

Come si fa:

Frullate tutti gli ingredienti e fate frittelle sottili fino a che non finite la pastella.
Tagliate a strisce per ottenere le fettuccine e mettete da parte.
Per la salsa frullate le fragole con lo yogurt e la polvere di mirtilli rossi. Condite la pasta.
Spolverate con il cocco grattugiato,  tagliate il kiwi a fette per create due forme ovali (saranno il nostro "basilico") e i mirtilli disidratati.


{English version}



When dealing with new products to discover and try, you know, I do not ever pull back.
Especially when they are really special.
Today I bring you to Finland, where were born finnberry.
That berries was harvested by hand in the pristine Finnish forests and immediately frozen to preserve freshness. Then dried slowly at 44 ° up for 3 days, and then ground into powder. Just water removed, nothing added.
Just think that to obtain 30 g are needed 270g of fresh blueberries.

This berries are exceptionally rich in fibre,  vitamins A, B, C and E and they’re packed with antioxidants that can help destroy free radicals.
I used them immediately in yoghurt and for smoothies and pancakes, but some morning ago I thought a different kind presentation, that would combine these far away fruits with my Italy: and what's more Italian than a plate of pasta?
easy said, easy done!

Ingredients:

150 g egg white
30 g banana
25 g plain yogurt
1 tsp carob

 For sauce: 
4 strawberries
50 g plain yogurt
2 tsp of lingonberry powder

For garnish:
Grated coconut
kiwi
Some dried blueberries

Directions:

Blend all ingredients and make thin pancakes until the batter ends.
Cut them to obtain fettuccine strips. Set aside.
For the sauce blend strawberries with yogurt and berry powder and season pasta.
Top with grated coconut, dried blueberries and cut kiwi in slices to create two oval shapes to make our "basil".




La bella stagione è alle porte e io gioco d'anticipo proponendovi una ricetta semplice e veloce, perfetta per le prime scampagnate o come antipasto.
Spinaci e feta è un connubio ormai consolidato, basti pensare alla spanakopita greca.
Per il guscio ho usato la pasta yufka, una sorta di sottile piadina di origine turca, che in cottura diventa un croccante contenitore.
Yufka è anche l'altro nome della pasta fillo, stessa origine, stessi ingredienti... ed è proprio quello che mi ha tratto in inganno al momento dell'acquisto, ma poco male, anzi, per me che sono sempre in cerca di cose nuove da provare, ben vengano questi "sbagli".
Il resto degli ingredienti si vedono tutti, spinaci e feta saporita.
Spesso vi ho abituato a ricette inusuali e un po' strambe, è vero, ma fa parte del mio essere curiosa, aperta a cose nuove e alla continua sperimentazione.
Con questa mi prendo un attimo di pausa dalle "stranezze" lasciandovi con questa semplice  e sana sfiziosità che mi auguro apprezzerete e rifarete al più presto.
A presto!



Ingredienti:

Pasta Yufka (o pasta phyllo)
250 g di spinaci giù lessati
100 g di feta, sbriciolata
1 spicchio di aglio
Olio di oliva
(Sale, pepe nero, peperoncino)


Come si fa:

Accendete il forno a 200°.
Soffriggete lo spicchio di aglio schiacciato in poco olio, aggiungere gli spinaci, e  fate insaporire.
Lasciate raffreddare leggermente.
Aggiungete la feta sbriciolata, assaggiate per  regolarvi con il sale, e mescolate.


Potete aggiungete un po' di pepe o peperoncino, se vi va.
Tagliate la pasta yufka in quadrati adatti allo stampo che utilizzate.
(oltre a alla pasta fillo potete usare anche una sottile piadina nostrana, sempre bagnandola leggermente per renderla più malleabile)
Imumiditela leggermente e foderate la teglia.
Riempite con il composto e arricciate la pasta ai bordi (bagnatevi le mani per evitare che si spezzi, perché all'aria tende ad asciugarsi).
Cuocete in forno per 15-20 minuti fino a quando pasta e la feta sono dorate.
Lasciate raffreddare su una griglia e servite tiepido o a temperatura ambiente.




The spring is coming and I'd like to play in advance by post  a quick and easy recipe, perfect for the first pic nics or as an taste appetizer.
Spinach and feta is a famous combination, just think of the greek spanakopita.
For the shell I use  yufka, a sort of thin flatbread from Turkey.
Often I used to unusual recipes and a bit 'weird, yes, it's true, but it's part of my being curious, open to new things and  I love to experiment
With this I take a moment's break from "weirdness" with this simple and healthy delicious appetizer which I hope you will appreciate and redo it soon (let me know if you do)
See you soon!

Ingredients:


Pasta Yufka (or phyllo)
250 g of cooked spinach
100g feta, crumbled
1 clove of garlic
Olive oil
(Salt, black pepper, red pepper)




Directions:

Preheat the oven to 200 °.
Saute the crushed garlic with a hint of olive oil, add the spinach, and cook.
Let cool slightly.
Add the crumbled feta,  add salt to taste and stir.
You can add  pepper or red pepper flakes, if you like.
Cut the yufka into squares that fits in  the used mold.
Dampen your hands and line the pan.



Fill with the mixture and curled the dough to the edges (dampen again your hands to prevent it breaks, because the yufka tends to dry out if exposed to air).
Bake for 15-20 minutes until shell and feta are golden.
Let cool on a rack and serve warm or at room temperature.