Rinnovo il nuovo vestitino del blog (c'è ancora qualcosa da aggiustare, ma  sono rimasta indietro con le ricette ) con una ricetta superhealthy e superfurba, la ricetta base di questi biscotti, infatti prevede solo due ingredienti! Senza zuccheri, senza grassi e lattosio.
Questi biscottini sono stati amore al primo morso.
Croccanti fuori e morbidi, e un po' chewy, dentro.
 Da sgranocchiare come snack e spuntino (anche da consumare fuori casa), Come biscotto da colazione e anche come dolcetto da gustare con il caffè! Provare per credere.
La ricetta base ha la base di una colazione perfetta perché ci sono le fibre dei cereali e i carboidrati della frutta, a cui potete aggiungerci i grassi buoni della frutta secca e dei semi oleosi.
Dopo una prima versione pura e semplice, il giorno dopo ho replicato aggiungendo altri ingredienti e il risultato è stato strepitoso!
Al telefono ho subito passato la ricetta a mia mamma; ne è stata così entusiasta che dopo averli assaggiati li ha eletti i suoi biscotti preferiti!
Insomma biscotti buoni, sani e superfurbi perché potete cambiarli e personalizzarli come volete a seconda degli ingredienti che avete il dispensa. Queste sono le ricette che più mi piace condividere.
Ah, dimenticavo, prima di lasciarvi alla ricetta vi invito a navigare nelle nuove sezioni del blog, dedicate alla colazione e ai superfoods che verranno aggiornate  molto spesso, quindi vi aspetto!
A voi.


Ingredienti per la ricetta base:

1 banana
70-80 g circa di fiocchi di avena


Potete aggiungere tutto quello che volete, come:
estratto di vaniglia
gocce di cioccolato
burro di arachidi
frutta secca (mirtilli, uva passa ...)
noci, mandorle, pinoli, pecan...
scaglie di cocco
fave di cacao tritate


Come si fa:

Schiacciate la banana con la forchetta, aggiungete i fiocchi di avena, mescolate.
Accendere il forno a 170°
Formate dei mucchietti sulla carta forno (aggiungete altri fiocchi di avena, che vengono più carini) e schiacchiateli per appiattirli. 
Infornate per circa 10-15 min, finché sono dorati.


{english version }


Hello from my new blog dress with superhealthy and supersmart recipe: the base recipe for these cookies, it provides only two ingredients! No sugar, no fat and lactose.
These cookies have been love at first bite.
Crispy outside and soft, and a little 'chewy inside.
 To nibble as a snack and snack (also to be consumed outside the home), as well as biscuit breakfast candy to enjoy with coffee! Just try it.
The basic recipe is the basis for a perfect breakfast because there are cereal fiber and carbohydrates in the fruit, to which you can add us the good fats in nuts and oilseeds.
After a first version, pure and simple, the next day I responded by adding other ingredients, and the result was amazing!
On the phone, I immediately passed the recipe to my mom; I was so excited that after tasting them elected them his favorite cookies!
In short biscuits good, healthy and superfurbi because you can change and customize them as you wish and according to the ingredients that you have the pantry. And these are the recipes that I like to share.
To you.

Ingredients for plain cookie:

1 banana
Approximately 70-80 g of oat flakes

You can added everything you want, like:
vanilla extract
chocolate chips
peanut butter chips
dried fruit (cranberries, raisins...)
chopped walnuts, almond or pecans
coconut flakes
cocoa nibs




Directions:

Preheat oven to 170 °
Mash the banana with a fork, add the oatmeal, stir.
Formed mounds on the baking paper and  flatten a bit with a spoon  (sprinkle with mote oatmeal and other ingredients).
Bake for about 10-15 minutes, until they are golden.
Remove from oven and cool on wire rack.
Cookies will keep in a covered container for a few days, or they can be frozen and reheated.



Amo la tapioca, queste piccole perle dure - che schizzano da tutte le parte, rimbalzando per tutta la cucina... -  che come per magia, si fanno morbidi budini. (cliccate qua per trovare altre ricette)
Consiglio numero uno: tenere un pacchetto di tapioca sempre in dispensa, per un dessert dell'ultimo minuto: Latte, spezie, cacao, cioccolato, frutta e oplà! avrete un budino sano e buonissimo in poco tempo! Oplà!
La ricetta prevede una base neutra alla vaniglia, potete mangiarla anche così, magari abbinandola a frutta fresca, marmellate o cioccolato fuso, ma io vi consiglio di provarlo con queste mele stufate,  morbide e profumate.
Una vera e propria coccola.
Consiglio numero due:  provatela a colazione, e se ve lo dico io che mi sono (auto) proclamata regina della colazione, potete fidarvi!

Ingredienti per 4:

70 g di tapioca
350 ml di latte di mandorla
Estratto di vaniglia
2 cucchiai colmi di sciroppo di riso

Per le mele:

2-3 mele golden
250 ml di acqua
1 stecca di cannella
Anice stellato
Zafferano in polvere (1 bustina)
Qualche cucchiaio di succo di arancia


Come si fa:

Lasciate la tapioca in ammollo per tutta la notte*
Scolatela e  versatela in un pentolino con il latte e l'estratto di vaniglia.
Portate ad ebollizione, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire, mescolate, aggiungete lo sciroppo di riso e continuate la cottura fino a che la tapioca è trasparente (circa 10 minuti).
Pulite, tagliate le mele a pezzi e adagiatele su una padella, con l'acqua, la stecca di cannella, due o tre pezzi di anice stellato ed il succo di arancia.
Cuocete fino a che le mele sono morbide, mescolando di tanto in tanto (aggiungendo poca acqua, se necessario).
Stemperate lo zafferano a parte con il fondo di cottura e aggiungetelo alle mele, mescolando bene.
Servite la crema di tapioca in ciotoline individuali con sopra le mele speziate.
Un'alternativa? 
Versate il composto di tapioca con le mele in delle piccole cocotte, infornate a 180° per 10-15 minuti.

* anche 30 min. se lo volete subito, basterà allungare di poco il tempo di cottura.


{English version}


I love tapioca, these little hard white pearls  - jumping from all side, bouncing all over the kitchen ... - for like kind of magic, become soft puddings.
Tip number one:   always keep a package of tapioca in the pantry, for a last-minute dessert: milk, spices, cocoa, chocolate, fruit and done! you will have a healthy and delicious pudding in no time!
The  base recipe is a neutral  vanillaflavour, you can eat it combining with fresh fruit, jam or melted chocolate, but I suggest to try with these stewed soft and fragrant apples,
A real cuddle.

Tip number two: try it for breakfast, and if I tell you that I (self) proclaimed queen of the breakfast, you can trust me!


Ingredients (serves 4):

1/2  cup of tapioca
1 1/3 of almond milk
1 teaspoon of vanilla extract
2 heaping tablespoons of rice syrup

For the apples:

2-3 golden apples
250 ml of water
1 cinnamon stick
2-3 star anise
Saffron powder (1 packet)
Few tablespoon of orange juice


Directions:

Let tapioca soak overnight*
Drain  and pour into a saucepan with the milk and vanilla extract.
Bring to a boil, reduce heat and simmer, stir, add the rice syrup and continue cooking until the tapioca is transparent (about 10 minutes).
Clean, cut apples into pieces and place them in a pan with water, cinnamon stick, two or three pieces of star anise and orange juice.
Cook until the apples are soft, stirring occasionally (adding water, if necessary).
Dissolve the saffron with  gravy and add to the  apples, stirring well.
Serve the pudding in individual bowls with spiced apples on top.
An alternative?

Pour the mixture of tapioca with apples in small casserole, bake at 180 degrees for 10-15 minutes.

* Also 30 min is ok,  if you want to eat right away, just slightly lengthen the cooking time.



Il mio passato da vegetariana, seppure non molto lungo, e la mia insana curiosità mi hanno portata a provare, sperimentare ed amare i burger veg. Sì, più del classico burger carnivoro.
Il perché è presto detto, con i veg burger non ci si annoia mai, le varianti possono essere pressoché infinite, cereali, legumi, verdure, frutta secca, spezie... insomma, ogni volta potete  avere un burger sempre diverso e sempre gustosissimo.
Le altre mie versioni le trovate tutte qui
Ma torniamo alla ricetta di questi burger di azuki (se non li trovate, vanno bene anche i fagioli neri), saporitissimi grazie ai pomodori secchi e al mix di spezie (scegliete le vostre preferite).

Nonostante il mio periodo veg sia passato, continuo a consumare pochissima carne (praticamente sempre bianca) e devo dire che trovo molto stimolante cercare le alternative, trovare nuovi accostamenti e poi il mondo dei legumi e cereali e proteine vegetali è davvero vastissimo.


Ingredienti:

200 g di miglio
750 ml di acqua
70 g pomodori secchi
400 g fagioli azuki cotti
4 spicchi d'aglio
Olio d'oliva
Pepe nero grattugiato fresco
Pan grattato
Sale
Spezie



Come si fa:

In una pentola antiaderente tostate il miglio per 4 minuti, mescolando spesso, fino a quando non inizia a dorarsi e sentite un odore di nocciole.
Aggiungete l'acqua e portate a ebollizione. Una volta giunta all' ebollizione, abbassate la fiamma, salate e cuocete, coperto per circa 30 minuti, o fino a quando tutta l'acqua è stata tutta assorbita e il miglio è cotto.
Lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
Nel frattempo mettere i pomodori secchi in una ciotola piena di acqua calda per 10-15 minuti.
Scolateli bene e tritateli grossolanamente, insieme agli spicchi di aglio.
Nel robot da cucina frullate non troppo finemente ( non deve essere una purea) il 1/3 di miglio e metà dei fagioli, tenendo da parte il resto.
Aggiungete il trito di aglio e pomodori, pepe, le vostre spezie preferite, il resto del miglio e degli azuki, regolate di sale e amalgamate con le mani.
Se il composto risulta troppo appiccicoso, aggiungete del pan grattato.
Dividete l'impasto in porzioni di circa 100-120 g  e ricavatene i burger.
Scaldate una padella, leggermente unta di olio.
Cuocete i burger per 5 minuti per lato.
Servite al piatto con un'insalata, oppure dentro a piccoli panini (integrali, per me) con insalata, pomodori, ravanelli, zucca grigliata  sempre e solo verdure di stagione e le salse preferite (io adoro la senape).
- Potete cuocere anche il forno preriscaldato a 180 ° C (350 º F) per 5-7 minuti per lato, o fino a doratura.




{english version} 



My past as a vegetarian,, it was not very long,  but and my (un)sanity curiosity led me to test, try, experiment and love the veg burger. Yes, I love them more of the classic carnivore burgers.
The reason is obvious, with the veg burger you never not get bored, variants and versiones can be almost infinite: cereals, legumes, vegetables, nuts, spices ... every time you can make a burgers you can have always different and always delicious!
My other versions all be found here
Return to the recipe, these azuki burger (also fine with the black beans), thanks to the tasty flavour of dried tomatoes and spice mix (choose your favorite) are, for now, my favorites <3
Despite my veg period has passed, I consume meat (chicken, mostly) very rarely  and I must say that I find very inspiring looking for veg* alternatives, finding new combinations and then,  the world of legumes and cereals and vegetable protein is really vast.
Have a gret weekend!


ingredients:

200 g of millet
750 ml of water
70 g dried tomatoes
400 g cooked adzuki beans
4 cloves of garlic
Olive oil
Freshly grated black pepper
Breadcrumbs
Salt
Fav spices

Directions:

In a nonstick pan roasted millet for 4 minutes, stirring often, until it begins to brown and feel a smell of hazelnuts.
Add water and bring to a boil. Once you come to boil, lower the heat, add salt and cook, covered for about 30 minutes, or until all the water has been absorbed and the millet is cooked.
Let cool to room temperature.
Meanwhile, put the dried tomatoes in a bowl with warm water for 10-15 minutes.
Drain well and chop coarsely with the garlic cloves.
In food processor blend not too finely (not to be a puree) 1/3 of a millet and half of the beans, keeping aside the rest.
Add the chopped garlic and tomatoes, pepper, your favorite spices, the rest of the millet and azuki, with salt and impaste.
If the mixture is too sticky, add the bread crumbs.
Divide the dough into portions of about 100-120 g and form the burger.
Heat a frying pan, lightly oiled.
Cook the burger for 5 minutes per side.
Serve the burger with a rich salad, or in a small sandwiches (whole grains, for me) with salad, tomatoes, radishes, grillet pumpkin...any vegetable, always according to the seasonality, and your fav sauce. I adore  mustard.
- You can also cook the oven preheated to 180 ° C (350 ° F) for 5-7 minutes per side, or until golden brown.





Respirando di nuovo l'aria fiorentina, è inevitabile che mi lasci influenzare da tradizioni e sapori della mia terra.
I biscotti di Prato, o cantucci, per me sono i Biscotti per eccellenza, semplici, genuini, pochi ingredienti e buonissimi.
In passato ho creato diverse versioni (quelli  alle nocciole e uvetta di qualche post fa, vegan, gli inediti nocciole e limone ed anche salati) ma quella classica rimane una delle mie preferite in assoluto: i cantucci con le mandorle.
Non conosco la ricetta originale, non l'ho neanche cercata e in verità, neanche la vorrei sapere, perché penso che debba rimanere segreta: una formula magica che nessuno deve pronunciare per non far sparire per sempre la magia di questi biscotti.
Io li ho fatti così, alla mia maniera: grezzi e un po' rustici con lo zucchero di canna grezzo che impreziosisce la superficie di piccoli cristalli  e mandorle non spellate che danno un piacevole tocco amaro, che adoro.
Spesso vi stupisco con abbinamenti e ingredienti inusuali, questa volta punto sulla semplice bontà di un biscotto, a cui non manca niente. 
Solo un bicchierino di buon vin santo in cui essere tuffato.


Ingredienti:

190 g di farina wellness Cerealia
80 g di mandorle
60 g di zucchero grezzo di canna
2 uova
2 cucchiaini di lievito per dolci


Come si fa:

In una ciotola unite tutti gli ingredienti, lasciando per ultime le mandorle.
Dividete il composto in due, formate dei cilindretti e sistemateli sulla teglia foderata di carta forno, schiacciate leggermente la superficie e infornate in forno caldo a 180° per 15-20 min.
Appena iniziano a prendere colore, sfornateli, tagliateli, ancora caldi con un coltello a lama non seghettata, in obliquo.
Rimetteteli in teglia e infornate di nuovo per altri 10 minuti, girandoli a metà cottura.
Sfornateli e lasciateli raffreddare su una griglia.


{ english version }



ingredients:

190 g of flour ( I used this)
80 g almonds
60 g of raw brown sugar
2 eggs
Zest of half a lemon
2 teaspoons baking powder

Directions:

In a bowl, mix all the ingredients, leaving for breaking the almonds.
Divide the mixture in two, consisting of cylinders and arrange on baking sheet lined with parchment paper, lightly crushed the surface and bake in oven at 180 degrees for 15-20 min.
Just begin to brown, sfornateli, cut, still warm with a knife blade serrated, obliquely.
Put them back in the pan and bake again for another 10 minutes, turning halfway through cooking.
Let cool on a rack.


 Con questa ricetta partecipo a “Biscotti d’Autore” la raccolta di ricette organizzata da Vetrina Toscana in collaborazione con Claudio Martini Editore per celebrare la grande tradizione dei biscotti di Prato.


Iniziamo la settimana con una sferzata di colore. Un vibrante rosa intenso che contrasta con il cielo grigio di questi ultimi giorni.
E la natura è meravigliosa, perché ci da questa variopinta verdura proprio quando il colore fuori viene a mancare.
Con la barbabietola avevo già fatto i burger, ricordate? non trovandola così spesso quando mi capita di vederla è sempre gioia immensa.
 E così, appena adocchiate al mercato, non me le sono fatte scappare ed ho subito deciso  che sarebbero diventate hummus (a proposito, sul blog trovate le altre versioni con i borlotti, le fave fresche e già che siamo in tema di salsine e cremine sfiziose, vi metto anche la babaganoush).
Se non trovate le barbabietole fresche e/o volete risparmiarvi la cottura, potete usare quelle precotte,  ma il sapore sarà molto diverso.


 Ingredienti per 3-4 persone

 3 - 4 barbabietole
250 g di ceci in scatola
60 g di anacardi
2 cucchiai colmi di tahina
Scorza e succo di 1 limone
2 spicchi di aglio
Olio extra vergine di oliva q.b.
Semi di sesamo per guarnire
Paprika (facoltativo)

 Come si fa:

Lavate le barbabietole e lessatele fino a quando sono tenere. Pelatele e tagliatele in quarti.
Scolate i ceci e sciacquateli.
Nel robot da cucina unite le barbabietole con i ceci e i resto degli ingredienti.
Aggiungete acqua e olio per aggiustare la densità.
Regolate di sale e servite in ciotoline con un filo di olio e semi di sesamo e paprika, se vi piace.


  • Questo hummus è ottimo spalmato sul pane, pita, per accompagnare il riso o come contorno.
  • Sentitevi liberi di mettere un solo spicchio di aglio se volete un crema dal sapore più delicato.



  { english } 


We start the week with a burst of bright color. A vibrant deep pink contrasting with the gray sand cloudy skies in these days.
And nature is wonderful, because it gives us this colorful vegetables just when the color outside the windows lacking
With beetroot I had already done the burger, do you remember?  It's not so easy to find here, and when I see it's a suddely joy.
When I saw these roots at the farmers market few days ago, I immediately decided that they would become hummus (by the way, in the blog will find other versions with borlotti beans and fresh fave, and just we're on the topic of delicious sauces and creams, I suggest babaganoush).
If not find the fresh beetroots and / or want to save cooking time, you can use those pre-cooked, but the taste will be very different.



  Ingredients: Serves 3-4 people

 3-4 beetsroots
250 g canned chickpeas
60 g cashew
2 full tablespoons of tahini
Zest and juice of 1 lemon
2 cloves of garlic
Extra virgin olive oil q.s.
Sesame seeds for garnish
Paprika (optional)


Direction:

Wash beets and cook until they are tender. Peel and cut into quarters.
Drain and rinse the chickpeas.
In food processor add the beets, chickpeas and the rest of the ingredients.
Add water and oil to adjust the density.
Season with salt and serve with a drizzle of oil, sesame seeds and paprika, if you like.


  • This hummus is great spread on bread, pita, with rice or as a side dish.
  • Feel free to put only one clove of garlic if you want a more delicate flavor hummus.

On fresh tuscan bread.