Watermelon Jello Shots


Mentre vi sto scrivendo sono ancora a Torino, dove il sole è spuntato per due giorni di fila (ed ha piovuto  diluviato tutta la notte) e niente, l'estate Vera ancora non è arrivata. Mi consolo sapendo che anche fuori dal Piemonte la situazione è stata più o meno la stessa. Mal comune mezzo gaudio, no?!
Per fortuna che tra qualche giorno me ne andrò nella calda Sicilia, dove finalmente mi godrò l'estate come si deve, anche se prenderò poco o niente sole, per via dei soliti nei e della cicatrice dell'operazione di gennaio, ma l'abbronzatura non mi interessa più di tanto, quindi farò molto la turista! macchina fotografica, scarpe comode e via!
Quest'anno poi ci portiamo anche il Fusillino e sono proprio curiosa di vederlo alle prese con la "natura" del giardino e nel momento esatto in cui i suoi "gommini" toccheranno terra per la prima volta <3
Ricette estive, dicevamo, quindi ecco queste fettine di gelatina con uno sprint in più dato dalla vodka  che potete sostituire con rum o per i bambini succo di frutta, sciroppi o semplice acqua, ma occhio a non mischiarle e attenzione a non esagerare... perché una tira l'altra!
Buona estate!!



Ingredienti:

10 lime o limoni
1 confezione di gelatina di fragola
150 g di vodka
300 g di acqua
semi di sesamo nero


Come si fa:

Preparate i lime tagliandoli a metà, togliete la polpa senza rompere la buccia e pulite bene l'interno.
Fate bollire l'acqua, aggiungete la gelatina e mescolate finché non si scioglie.

Aggiungete lentamente la vodka ed amalgamate.
Sistemate i lime in degli stampi da muffin o in una teglia, in modo che il liquido non si rovesci.
Versate il composto nei lime, fate raffreddare e mettete in frigo per 4-6 ore (o tutta la notte), finché la gelatina non si rapprende.
Tagliate delicatamente i lime a metà con un coltello affilato.
Decorate le fette con i semi di sesamo nero

  

Nigiri di alici fritte e cous cous su Polpa Più per #galleriadelsaporecirio


Ed ecco il mio resoconto dell'esperienza alla #galleriadelsaporecirio che si è tenuta a Torino, nella città del gusto del Gambero Rosso.
Ho conosciuto persone nuove e rivisto altre, tutte unite da una grandissima passione per il cibo e la cucina.
A "dirigere" la sfida, in realtà un bellissimo gioco che ci ha visto alla prese con la "Artistic Box" e una ricetta da inventare su due piedi, c'era lo chef Luca Ogliotti.
Ecco le mie compagne di avventura!

Tre ingredienti, una ora e poco più e tanta emozione gli ingredienti della serata, in particolare i miei erano delle alici già pulite, origano fresco e la buonissima Polpa Più di Cirio.
Ovviamente il primo pensiero è stato - dopo i vari ommioddiocomesicucinanolealici noncelafaròmai faròundisastro e via dicendo -  di fare qualcosa ispirato al mio amato Giappone.
Oh come sono concentrata e seria qua!
E così è stato, ma ho contaminato la ricetta con altri elementi di cucine del mondo, come il curry indiano e la nostra italianissima Polpa Più.
Qua sotto il risultato finale  della ricetta  fatta durante la sfida:


Questo weekend poi mi sono cimentata di nuovo nella ricetta, nella tranquillità di casa con qualche piccolo aggiustamento.
Ho avuto solo una piccola difficoltà in più, però, visto che le alici le ho trovate intere e mi sono trovata per la prima volta a pulirle e sfilettarle (operazione facile, ma io non mi sono trovata molto a mio agio a maneggiare questi pesciolini).
Sotto altre foto della serata, scattate da  Davide Bellucca (le altre le trovate qui )

Sotto l'opera realizzata dall'illustratore di  9periodico e  la foto con lo chef.


Ed eccoci alla ricetta: Nigiri con alici fritte, ma con la pallina di cous cous al posto del classico riso.
Impanatura arricchita e resa croccante dai semi di sesamo, cous cous insaporito con origano e curry e per base un sugo con Polpa Più al basilico e scorze di limone.
Qui, il risultato finale e la ricetta:


Ingredienti:

120 g di cous cous
Una decina di alici fresche pulite
1 barattolo di Polpa Più Cirio
1 cipolla bianca
Curry
Origano fresco
Pan grattato
Semi di sesamo nero/ bianco
1 limone
Olio evo
Sale



Come si fa:

In una ciotola mettete il cous cous, un cucchiaio di olio, il curry e l'origano, mescolate.
Portate ad ebollizione dell'acqua salata, versatela sul cous cous e coprite per 5-8 minuti.
Sgranatelo per bene e lasciatelo raffreddare.
Soffriggete la cipolla in poco olio, aggiungete la scorza grattugiata di 1/2 limone, versate la Polpa Più e portate a cottura, regolando di sale alla fine. Fate asciugare tutto il liquido, deve risultare una salsa molto compatta.
Prendete un po' di cous cous compattandolo bene tra le mani  leggermente umide per comporre il nigiri, dandogli una forma leggermente allungata. Mettete da parte.
Nel frattempo impanate le alici con il pangrattato leggermente salato e i semi di sesamo.
Scaldale l'olio in una padella e quando ben caldo friggete le alici fino a quando sono dorate.
Fatele scolate su della carta da cucina.
Componete il piatto mettendo la salsa di Polpa Più, aiutandovi con un coppapasta, disponete le porzioni di cous cous intorno e sopra i filetti di alici fritte. Decorate con la scorza di limone e del basilico fresco.



Watermelon Cake


Questa ricetta è stata amore a prima vista!
L'ho "conosciuta"  nel solito posto ed ho aspettato di avere sotto mano la prima anguria dell'anno per farla immediatamente.
La mia versione? rigorosamente vegan e golosissima.
Un anguria, panna di cocco, tanta frutta ed un leggero accenno di vaniglia per questo insolito dessert.
A prima vista sembra una calorosissima tortina decorata con una pesantissima crema al burro (che tra l'altro è una di quelle cose che non concepisco e non concepirò mai come commestibile), ma al primo taglio... sorpresa! niente pan di spagna ma dissetanti fette rosa.

Un'idea alternativa per portare in tavola la frutta questa estate, cioè... perché prima o poi deve arrivare!



Ingredienti:

Un'anguria ben fredda
Frutta fresca a scelta per decorare
150 ml di panna di cocco
Alcune gocce di estratto di vaniglia
Dolcificante liquido
Cocco grattugiato



Come si fa:

Tagliare le estremità del cocomero nella forma della torta, mettete il cocomero in verticale su una delle parti tagliate, e con un coltello tagliate lungo la parte interna della buccia. Ripetete anche dall'altro lato.
Incidete la buccia per aiutare a rimuoverla  meglio.
Tagliate quindi la polpa a fette di diverso spessore per fare i vari piani delle tortine.
Dalle fette ricavate, con due coppapasta di diametro differente, gli strati della torta. Metteteli su un vassoio con della carta assorbente e asciugateli bene.

Montate  la panna di cocco con l'estratto di vaniglia.e il dolcificante.
Nel piatto da portata assemblate gli strati di cocomero e spalmate con una spatola la crema ottenuta, levigando bene la superficie.
Cospargere scaglie di  cocco e decorate con la frutta fresca.



Burger di barbabietola


Oh quanto amo fare (e mangiare) i burger vegani!
Ecco quindi un'altra versione, questa volta con un ingrediente insolito che, almeno per me, non è sempre facile da trovare.
Quest'anno, grazie al gruppo di acquisto solidale che ogni settimana mi fa arrivare tanta frutta e verdura di stagione, biologica e a km0, ho potuto provare prodotti che altrimenti non avrei mai usato, come le zucchine trombetta di una ricetta fa.
Appena arrivata la cassetta le barbabietole hanno immediatamente attirato la mia attenzione e mi sono subito messa in moto per adoperarle al meglio.
La scelta è caduta subito sui burger.
Gustosissimi e che colore meraviglioso!
Io li ho serviti con una ricca insalata ma, dieta permettendo, potete metterlo in un panino da burger con pomodori, insalata, cetrioli ed eventualmente aggiungerci anche del formaggio.
Ecco quindi la ricetta di oggi, che chiude la settimana ed è perfetta per augurarvi un buon week end visto che le previsioni sono tutt'altro che positive, con un pieno di colore e allegria.



Ingredienti:

2 cucchiai di semi di lino
1 cucchiaio di acqua
6 barbabietole medio piccole
1  scatola di fagioli neri scolati e sciacquati
Una manciata di  foglie di basilico fresco
1 cucchiaino di paprika
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di coriandolo
1 spicchio d'aglio
Sale marino
Pizzico di pepe


Come si fa:

Mettete i semi di lino e l'acqua nel robot da cucina e azionate il pulse un paio di volte.
Lavate e mondate le barbabietole e grattugiatele; Aggiungetele quindi al composto di lino, insieme ai fagioli, il basilico, lo spicchio di aglio, le spezie.
Regolate sale e pepe.
Frullate grossolanamente e formate i burger.


Scaldate una padella a fuoco medio alto leggermente unto.
Cuocete 5 minuti per lato.
Nel frattempo preparate l'insalata di accompagnamento.
Servite con le vostre salse preferite.



Padella Le Creuset

Consigli e suggerimenti:
-Non buttate via le foglie delle barbabietole ;) io ne ho fatto una buonissima frittata.
-Potete sostituire i fagioli neri con i cannellini o con i ceci in scatola
-Potete usare anche le barbabietole precotte.
-Grattugiatele (non frullatele) ed eliminate l'umidità in eccesso, se ce ne fosse bisogno.

Ricotta e mirtilli


Ecco uno dei miei abbinamenti "feticci" preferiti: la ricotta (che potete farla a casa, seguendo la mia ricetta), con la frutta fresca eD un goccio di aceto balsamico.
Perfetto per ogni momento della giornata con piccole aggiunte e cambiamenti di formato.
Dalla colazione (senza aceto balsamico, ma volendo con sciroppo d'acero o miele), come antipasto, servito su crostini di pane tostato (aggiungete della rucola!) o come dessert, servito in coppette o bicchierini alternando strati di frutta con la ricotta.
Insomma pochi ingredienti ed una ricetta versatile e sfiziosissima!
Provatela e sperimentate anche con altra frutta: Io l'ho provata come le pesche, le fragole, l'uva, fichi,frutti di bosco... e per una versione salata con pomodorini, pomodori secchi, funghi trifolati...
Il sapore delicato della ricotta si sposta benissimo con tanti ingredienti diversi, non vi resta che provare e sbizzarrirvi a creare tante piccole gustose tartine!
Ecco a voi questa piccola (ma che sa essere grande) ricetta per inaugurare il nuovo aspetto del blog, che spero vi piaccia! Presto aggiornerò con tanti e nuovi contenuti!
Stay tuned!




Ingredienti:

Ricotta vaccina
Mirtilli
Aceto balsamico di Modena (ho usato Aceto Balsamico di Modena IGP Due Vittorie)
Foglie di menta fresca
Per servire:
Fette biscottate, fette di pane tostato, pane in casetta, bicchierini, coppette, cucchiaini da aperitivo....


Come si fa:

Lavorate brevemente la ricotta (se volete con un po' di miele di acacia) con una forchetta.
Spalmatela sui crostini/fette di pane, cospargete con i mirtilli freschi, la menta e finite con l'aceto balsamico di Modena.



Idee e suggerimenti:
- Usate frutta fresca oppure caramellatela brevemente al forno o il padella con miele (o zucchero) e aceto balsamico e versate sulla ricotta.
- Per le versioni salate omettete il miele e condite con pizzico di sale e, volendo, erbe aromatiche fresche o secche.
- Create i vostri abbinamenti e fatemelo sapere!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...