Pollo arrosto alla paprika e sale rosa


Quando ho avuto tra le mani la pesante casseruola Le Creuset la prima cosa che mi è venuta in mente di fare  è stato il pane, ma visto che in casa non si mangia mai la scelta è caduta sul volatile.
Un classico, ma con il mio tocco - paprika e sale rosa (ne ho parlato e usato qui) - perché, altrimenti se volete le ricette classiche e scontate c'è sempre giallozafferano ;P
La ricetta non deve essere spiegata ulteriormente, pollo, un po' di spezie, poco olio (io ne ho messo anche meno di quello scritto nella ricetta) e patate novelle.



Ingredienti:

Un pollo intero eviscerato (1,5 kg )
3 spicchi di aglio
Un rametto di rosmarino
1 bicchiere di vino bianco
2 foglie di alloro
Timo fresco
1 cucchiaio di olio evo
Paprika forte
Sale rosa dell'Himalaya
Pepe
Patate novelle q.b.



Come si fa:

Eliminate le eventuali piume del pollo passandolo sulla fiamma. Lavatele ed asciugatelo.
Tritate l'aglio con le erbe aromatiche e la paprika. Mettete tutto in una ciotola con l'olio, sale e pepe.
Cospargete il pollo con il trito appena fatto, senza dimenticare l'interno e sotto la pelle.
Lavate, raschiate le patate novelle e asciugatele.
Mettete le patate e il pollo nella casseruola leggermente unta di olio e infornate in forno giù caldo a 210° (ventilato) per circa 20 minuti.
Sfumate con il vino bianco e continuate la cottura abbassando la temperatura a 180° mettendo il coperchio.
Proseguite la cottura per circa 90 minuti (calcolate 50-60 minuti per ogni Kg di carne), bagnando il pollo ogni 20 minuti con dell'acqua (io ho usato un dispenser spray per cospargere uniformemente) per far si che la carne non si asciughi troppo e rimanga tenera.
Girate il pollo a metà cottura.
Se possedete un termometro da cucina, la temperatura di cottura della carne al cuore della coscia deve essere di 74 gradi.
Una volta cotto, togliete dal forno e lasciate riposare per almeno 15/20 minuti, in modo che i succhi e il calore si distribuiscano bene.
Servite con le patate novelle e una fresca insalata



10 commenti:

  1. Uuuu ma che delizia!!!

    RispondiElimina
  2. Sto letteralmente sbavando!
    Concordo con te sulla quantità di olio... io di solito evito addirittura di adoperarlo quando cuocio con la pelle (se ci son le patate), dato che di grassi ne ha abbastanza il pollo in sé!
    Le foto incitano ad autoinvitarsi per cena! u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono un po' talebana con l'uso dell'olio, faccio ragù e salse e soffritti senza e nessuno che se ne accorga :)
      ...per cena, per pranzo...sempre valido <3

      Elimina
  3. La mia e identica ma ha 30 anni almeno.... Questa ricetta e fantastica... Posso provarla!!!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  4. Ottima e duratura!
    Prova e fammi sapere!
    Grazie Michela ;)
    A presto

    RispondiElimina
  5. Come non capirti ? Ho un amore per le pentole in ghisa, ne ho 5 (4 staub e 1 le creuset) in una casa minuscola. Quelel ovali sono le più belle. In quella tonda da 22 ci faccio anche il pane senza impasto, nei tempi rari di calma e quiete. Viene meglio che in quella da 26. Ora devo provare il tuo pollo, mi piace !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il pane senza impasto prima o poi devo farlo!!
      Me lo segno tra le cose da fare quando ricomincia il periodo del forno acceso (chea vedere dalla finestra pare essere già iniziato ;( )
      ps: Scusa se ti rispondo adesso <3

      Elimina
  6. Beh anche questa ricettina non mi lascia indifferente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Un piatto classico ma come sempre mi piace mettere quell'ingrediente particolare in più :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...